Notizie Parrucchieri e Bellezza

Notizie e novità dal Mondo della Bellezza
Information and news from the World of Beauty
Informationen und Neuigkeiten aus der Welt der Schönheit
Information et nouvelles du monde de la Beauté
Información y noticias del mundo de la belleza
信息和新闻从美的世界
Информация и новости из мира красоты
المعلومات والأخبار من عالم الجمال


BEAUTY NEWS

L'Inauguration Day che ha segnato l'insediamento di Joe Biden alla Casa Bianca si è concluso con un concerto virtuale presentato da Tom Hanks e per l'occasione la First Lady Jill Biden si è cambiata d'abito. Ha puntato su un look total white con dei fiori ricamati e ancora una volta ha nascosto un preciso e potente messaggio dietro gli abiti scelti.Continua a leggere

Continua a leggere

"Webcam delle mie brame, chi è la più bella del reame?" è questa la versione millennial del mantra della Strega di Biancaneve. Collegate costantemente in videocall con telecamere di scarsa qualità che amplificano difetti e imperfezioni, sono aumentate le richieste di interventi estetici. Quali sono i più gettonati lo abbiamo chiesto al professor Antonino Di Pietro.Continua a leggere

Continua a leggere

Volete tenere i piedi al caldo? Abbiamo selezionato le ciabatte con pelliccia più cool del momento

I mesi di lockdown ci hanno costretti in casa, perennemente in tuta e pantofole. Il 2020 è stato l'anno del pigiama e dei leggings, tanto che anche la moda si è adeguata, come spesso succede in questi casi, alle nuove esigenze dei consumatori. Ed è così che tendenze un tempo apparentemente lontane si sono pian piano fatto largo nei nostri cuori. Insomma, sul glamour ha vinto la comodità, sui tacchi alti le sneakers. In casa, il luogo dove ormai si passa la maggior parte di ogni giornata, lontane da occhi indiscreti, c'è chi si è tolta qualche sfizio, sfoderando capi e accessori un tempo banditi dal guardaroba comune. Un esempio? Le ciabatte di pelliccia

Chiara Ferragni, Peggy Gou, Naomi Ross © Instagram
Chiara Ferragni, Peggy Gou, Naomi Ross © Instagram

È vero, modelle e It-girl - leggi Gigi Hadid, Peggy Gou e Chiara Ferragni - ne fanno sfoggio da anni, abbinandole a jeans e T-shirt, abitini svolazzanti e quant'altro. Tuttavia, superstar a parte, le fan delle slipper di pelo nell'ultimo periodo sono cresciute parecchio. Lo conferma l'ultimo sold out del modello a forma di orsacchiotto firmato Vetements e il feed di Instagram, colmo di scatti dove ad attirare l'attenzione sono proprio le multiple varianti di ciabattine pelose. In più, ci sono le sfilate. Marchi del calibro di Balenciaga, Celine, Coach e Molly Goddard, infatti, hanno portato la tendenza in passerella consacrandola definitivamente per la primavera estate 2021

Balenciaga primavera estate 2021
Balenciaga primavera estate 2021
Celine primavera estate 2021, Coach primavera estate 2021
Celine primavera estate 2021, Coach primavera estate 2021
Molly Goddard primavera estate 2021
Molly Goddard primavera estate 2021

E se questa estate potremmo ritrovarci tutti al mare con le nuove slipper di Hedi Slimane, per il momento possiamo iniziare ad indossarle comodamente tra le mura di casa. Le proposte, naturalmente, sono tantissime, ma tra le più celebrate del momento abbiamo selezionato 10 opzioni che - oltre a garantire il massimo confort - sono secondo noi le più facili da portare anche fuori, magari abbinate a look casual chic che di solito funzionano bene con le scarpe chunky. Tra queste non potevano mancare le mitiche UGG Fluff Yeah, disponibili in una palette di colori strepitosa, le leggendarie Clog di Crocs, ovviamente in versione imbottita, e i modelli luxury di Gucci, Louis Vuitton e Prada. Ora, a voi la scelta.

Sandali Arizona in pelle scamosciata, 130 euroBirkenstock
Sandali Arizona in pelle scamosciata, 130 euro
Slipper Homey in pelliccia di visone, 1160 euroLouis Vuitton
Slipper Homey in pelliccia di visone, 1160 euro
Sabot Classic Lined Clog imbottito, 33.53 euroCrocs
Sabot Classic Lined Clog imbottito, 33.53 euro
Slider in lana merino marrone chiaro con logo GG, 850 euroGucci
Slider in lana merino marrone chiaro con logo GG, 850 euro
Fluff Yeah, il morbido modello con plateau e cinturino, 120 €UGG
Fluff Yeah, il morbido modello con plateau e cinturino, 120 €
Sabot in pelle con pelliccia sintetica, 45,95 euroZara
Sabot in pelle con pelliccia sintetica, 45,95 euro
Sandali Fussbet di pelo, 550 euroMarni
Sandali Fussbet di pelo, 550 euro
Pantofola Criss Cross di alpaca a pelo lungo realizzata a mano in Perù, 180 euroAriana Bohling
Pantofola Criss Cross di alpaca a pelo lungo realizzata a mano in Perù, 180 euro
Sandali slider in montone, 650 euroPrada
Sandali slider in montone, 650 euro
Slipper Janis con logo jacquard e fodera in pelliccia sintetica, 85 euroMICHAEL Michael Kors
Slipper Janis con logo jacquard e fodera in pelliccia sintetica, 85 euro


Continua a leggere

i dive into the well of my body

and end up in another world

everything i need

already exists in me

theres no need

to look anywhere else

– home

Rupi Kaur

No labels or impositions. Just openness, acceptance and endless possibilities. For Gucci Beauty, beauty is about mystery and the intimate and profound relationship we all have with ourselves. There are no specific definitions: boundaries become blurred until they disappear. And makeup transforms into a precious tool to reinvent ourselves every day, as Alessandro Michele points out: "Makeup can be used to construct the identity we wish to project, yet this does not mean it has to change what is already there; it should be about enhancing individuality, not concealing it". The Fluide De Beauté Fini Naturel and Sérum De Beauté Fluide Soyeux were created precisely to emphasize natural beauty and enhance an individual’s distinctive features rather than concealing them. The foundation, in particular, is a genderless product which, thanks to its 40 different shades, it suits all skin types, giving the face a fresh and hydrated look. Naturalness is the key word as revealed by the photos shot by Catherine Servel, winner of the Vogue Italia's IG scouting #GucciBeauty together with David PD Hyde, who made these beautiful portraits: 

Catherine Servel • The Gucci Beauty Tales portraits
NINA ALBAUT
NINA ALBAUT
Catherine ServelKRISTINA DE CONINCK
KRISTINA DE CONINCK
Catherine ServelLAMINE FATY
LAMINE FATY
Catherine ServelGUSTAVE CAGANI
GUSTAVE CAGANI
Catherine ServelMAEVA MARSHALL
MAEVA MARSHALL
Catherine ServelJESSICA NERESTANT
JESSICA NERESTANT
Catherine ServelMOLIBO
MOLIBO
Catherine ServelRAYANE
RAYANE
Catherine ServelANH WISLE
ANH WISLE
Catherine ServelGAELLE PRUDENCIO
GAELLE PRUDENCIO
Catherine ServelEMI
EMI
Catherine ServelDAVID GE
DAVID GE
Catherine ServelMARIE POULMARCH
MARIE POULMARCH
Catherine Servel

We chatted with her about the Gucci Beauty's philosophy and her personal vision of beauty.

Looking at the portraits you have shot, the sensation is that of a joyful and colorful family made of people who display that type of confidence that comes from feeling good in your own skin. How did you go about choosing the faces to photograph?

What I want to find with anyone is a disarming confidence, a moment between me and the subject where they truly let me in. It is an important moment between us, and it creates a photograph where the viewer can see the subject authentically. In truth, everyone is beautiful. It’s a misconception that we must adhere to beauty norms (which tend to be outdated, steeped in sexism and racism), and aren’t what actual people find most beautiful. I love looking through faces and selecting a group of people to photograph. The only problem is I want to shoot everyone! I wish I could always find more and more different people, to photograph a wider array of beautiful humanity. Often I do casting myself, but in this specific series, I worked with a wonderful casting director who understands my thoughts on casting very well.

Guccis Fluide De Beauté Fini Naturel and Sérum De Beauté Fluide Soyeux are tools created to enhance the natural beauty and harness the distinctive qualities of the individual. Does this vision reflect your own? How do you approach makeup in your photography projects? 

Gucci’s vision of beauty, particularly for these 2 products, absolutely reflects my own. I can also say that the foundations we shot were subtle and not super covering to remove everything, but instead enhanced the subjects’ natural beauty which is exactly what I aim for. I love skin, which is obvious in my work. I always work with the makeup artist to ensure we see everyone’s skin and that it’s never covered up. And often I love to add a touch of something fun like an interesting color on the eye or the lips. It can show an element of the personality and it can also be purely visual. I love makeup that is applied in a way that reminds us of a painting. 

How important it is to communicate this revolutionary message that beauty is about enhancing a person’s uniqueness and not concealing it?

It is vital to communicate the message that beauty lies in one’s own beauty. The moment we start to conceal, we remove whom we are which is actually what makes us beautiful in the first place. This viewpoint is liberating! Let’s be ourselves! It’s what makes life interesting! And wouldn’t it be rather boring if we all looked the same?

Gucci strives to be an advocate for change. Do you believe that art - and fashion photography in particular - can help change people’s gaze?

For many years the media gave us only one ideal of beauty - as a woman, as a person, this is too limiting and isn’t actually “true” or “real”. We are bombarded with it, constantly. It isn’t just nice for artists and for fashion photographers to counter this viewpoint, but it’s fundamental that we rebel against it! What if we were bombarded with something better? What would it do to the system if people and consumers discovered that, in truth, everyone really does have their own unique beauty? As artists and fashion photographers, we have a responsibility to do this - to help people make this discovery.

What does this editorial tell us about your artistic research?

Beauty is infinite. My work is really about the human condition. What is inside, what is outside. Skin, bones, thoughts. This project is another small peek into the vastness of people. People's happiness. When we smile, what does this mean? Is happiness relative? What is making us smile, what makes us happy?



Continua a leggere

“Volevano riprendere Batwoman mentre faceva le sue acrobazie, quindi nella seconda stagione ci saranno un sacco di acrobazie fatte dalla sottoscritta”.

Javicia Leslie rivela il processo di corteggiamento di Hollywood a cui è stata sottoposta prima di essere scelta come nuova Batwoman per lo show televisivo di successo della DC Comics.

I creatori dello show non avrebbero potuto scegliere un candidato migliore, dal momento che Leslie si allena per un ruolo d'azione fin dall'infanzia. Tutto è iniziato con l'amore del fratello maggiore Donnie per gli esercizi di combattimento, influenzato dalla carriera della madre Jacqueline nell'esercito (entrambi recitano nel video con Vogue). Fin dalla giovane età, Leslie raccoglieva in silenzio trucchi e suggerimenti nell'arte della boxe thailandese, nota anche come muay thai.

“Mio fratello ha iniziato ad allenarsi quando ero bambina. Ora che mi alleno anch'io, abbiamo qualcosa in comune”

Oggi, ti basta dare una rapida occhiata all’account Instagram di Leslie per vedere come quelle radici si siano sviluppate in un amore per lavori da stuntman con acrobazie ad alto tasso di adrenalina. Durante le riprese di Batwoman, Leslie è si è fatta lanciare meccanicamente in cielo per una scena: 

“In pratica, posso volare. Venerdì scorso sono salita in alto 15 metri e ho potuto vedere tutta Vancouver ed è stato davvero epico.”

Leslie, 33 anni, è la nuova star dello show televisivo per la seconda stagione (prendendo il mantello da Ruby Rose) e ha trascorso gli ultimi mesi a girare a Vancouver, in Canada. Intraprendere un lavoro che tutti i giorni implica vestirsi per mantenere pulite le strade meschine di Gotham City significa che dovrà solo migliorare le sue capacità di combattimento. 

Fortunatamente per lei, suo fratello è un vero allenatore di muay thai che ora consulta su tutte le cose che riguardano il combattimento: “Guardava i video che ho messo su Instagram e diceva: ‘Non è male, ma dovresti ricordarti di girare il piede, o devi assicurarti di fare questo’”. Con un periodo di quattro mesi come supereroe al suo attivo, ora anche Leslie è un'esperta. “Nella seconda stagione ci saranno un sacco di acrobazie fatte dalla sottoscritta”, rivela.

Sebbene Leslie e suo fratello siano vicini, il passato non è sempre passato tra fratelli. “Recitava fin da piccola, era una di quelle ragazzine che iniziavano a piangere a comando e, non appena ti mettevi nei guai per aver fatto qualcosa, smetteva di piangere", dice suo fratello prendendola in giro. “Sei serio? Stai dicendo cavolate!” ribatte Leslie indignata mentre la loro madre ride di cuore in sottofondo ai due, improvvisamente di nuovo bambini.

“Sono nata in Germania, entrambi i miei genitori erano nell'esercito. Poi, quando ci siamo trasferiti, mia madre voleva essere più spesso a casa con me e mio fratello, quindi è passata alle riserve. È andata in Afghanistan solo due volte, in modo che potessimo seguire i nostri sogni e avere una sorta di supporto finanziario”

Sfoggiando con orgoglio una collana di Batwoman durante la condivisione dei suoi Family Secrets con Vogue, lascia che l’attrice ti presenti i membri della sua famiglia mettendoli alla prova, prima che inizi la lezione di muay thai di suo fratello. Aspettati che tirino calci e pugni e si allenino mentre ridono divertendosi.



Continua a leggere

Le camicie sono il capo protagonista di stagione secondo Dolce & Gabbana

Attingere alla tradizione per creare forme sempre nuove è una delle grandi abilità di Dolce & Gabbana, costantemente rivolti al patrimonio estetico italiano e ai suoi inesauribili elementi di ispirazione. Per l'inverno 2020 2021, la collezione viene incentrata su un principio di artigianalità e savoir faire sartoriale, adattando al guardaroba femminile alcuni classici del vestire maschile, dal completo doppiopetto al pantalone gessato. In particolare, un capo spicca per la sua versatilità e il carattere transtagionale: la camicia

Gorunway

Semplice all'apparenza ma contraddistinta da una duttilità che permette di adattarla a ogni tipo di taglio, colore e materiale, la camicia Dolce & Gabbana è un orizzonte da scoprire, con lunghezze extra che la tramutano in vestito, design rigido e lineare che ricorda la camiceria da uomo, decorazioni  floreali per un tocco di estro barocco e un'immancabile profusione di pizzo vagheggiante il tipico chiacchierino siciliano. Da considerare non solo per i mesi freddi ma anche per l'imminente arrivo della primavera, ecco come indossare e abbinare le camicie secondo Dolce & Gabbana.

Le camicie sartoriali  indossate con blazer e completi

L'interpretazione più essenziale e fedele ai modelli delle origini è certamente quella sartoriale, omaggio caloroso e sentito a una quotidianità di bucati stesi al sole e di pranzi della domenica, quando senza indugio si sfoggia il fantomatico abito buono. Prendendo spunto dai capi del menswear vintage e riferendosi in particolar modo all'abbigliamento elegante e rigoroso dell'uomo del sud Italia di una volta, molte delle camicie proposte dai designer sono in bianco candido e puro, con un taglio rigido, minimale, definite dal collo con revers alto e dalla consistenza inamidata. 

GorunwayGorunway

Per loro, i designer scelgono un ensemble formale e reminiscente dell'abito maschile: il pantalone abbinato è morbido e ampio, in total-black, con ricchi inserti di cristalli o realizzati in raso trasparente per donare movimento, cui si accosta una giacca con fusciacca o un bustier in ton sur ton. Trait d'union è la presenza di un basco portato di traverso, ricordo di appuntamenti senza cellulare in cui l'innamorato aspetta - la spalla sul muro, gambe incrociate e spiga di grano in bocca. Unica concessione a dettagli paradigmatici della femminilità è la lavorazione filata e ricamata di colletto e polsini, che fa capolino in look con giacca in lana nera, pantaloni coordinati e anfibi

GorunwayGorunway

Per un giorno professionale o per una sera non convenzionale che gioca sull'androginia e sulla fluidità del vestire senza barriere, la camicia bianca Dolce & Gabbana va necessariamente inserita in una mise dall'approccio maschile, osando invece sull'accessorio che può variare dall'ankle boot in inverno a una décolleté gioiello per la primavera. 

Dolce & Gabbana
Dolce & Gabbana
La camicia lunga da indossare come abito

Nell'infanzia è quasi un rito di transizione quello di indossare le camicie larghe del proprio padre immedesimandosi in dame d'altri tempi con strascichi infiniti e scarpe senza numero grandi come la voglia di crescere. Dolce & Gabbana ci vogliono regalare un guardaroba emozionale in grado di scatenare simili nostalgie, con camicie lunghe da portare come abito. Senza rinunciare al loro heritage sensuale e a quel pizzico di provocazione Made in Italy che esalta le forme nate dagli spaghetti (grazie, Sophia Loren), la camicia extralarge si indossa col corpetto.

GorunwayGorunway

Il mix è irriverente, perfetta commistione dell'elemento maschile con quello femminile, e il risultato è una tendenza ibrida di lingerie e alta moda destinata ad accompagnarci per le prossime stagioni. Diverse le proposte dei designer: da una parte, la vestibilità extralarge della camicia da uomo è contenuta dal bustino stretto e sagomato, in raso bianco, dentro cui si inserisce una cravatta dal motivo a pois. Dall'altra, è la sovrapposizione a farla da padrone, con diverse stampe geometriche in bianco e nero, messe una sopra l'altra, sfociando in uno splendido alternarsi di volumi accentuato dal corpetto nero. Infine, per le amanti di una semplicità più dinamica e adatta alle necessità della vita metropolitana, c'è il long dress in cotone bianco, corto sopra il ginocchio o lungo fino alle caviglie, proposto in entrambi i casi con una giacca nera che ne accompagna il design su tutta la lunghezza.

GorunwayGorunway

Per questa versione anticonvenzionale, la camicia si presta a diversi abbinamenti, da quelli visti in passerella a sperimentazioni più casual, con stivali cuissard, collant vivaci, blazer monocolore o in fantasie floreali per la bella stagione, il tutto da valorizzare con accessori luminosi, dal bijoux importante e maxi alla borsa preziosa, finendo con l'irrinunciabile calzatura charmant con tacco scultura o dettagli gioiello.

Dolce & Gabbana
Dolce & Gabbana
Dolce & Gabbana
Dolce & Gabbana
Le camicie barocche con pizzo e volant

La Sicilia e il suo DNA borbonico esplodono in camicie ricche di rouches e maestoso pizzo, esempi impeccabili di come il costume nazionale possa inserirsi nell'armadio contemporaneo rimanendo ineccepibile. L'allure dei modelli è regale, altezzosa, con vene di sfarzo ed estrosità ben calibrate in outfit armoniosi. Rispecchiando quelle che sono le tendenze invernali e anticipando il mood romantico della primavera estate, questi capi si compongono di tratti tipici di una moda a cavallo tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento.

GorunwayGorunway

Le maniche a sbuffo si associano a polsini stretti e dal bordo crust che ricorda i bordi sfrangiati delle crostate; il punto vita è sagomato, stretto, sottolineato da fasce di pizzo trasparenti o da fluttuanti balze e volant. I colletti sono alternativamente alti e signorili e arricchiti da un fiocco, con un leggero taglio a barca decorato da boccioli al tombolo, circondati da ampi baveri o ancora con scollo a V da cui parte una cascata di strati di pizzo sangallo. In questo caso, l'abbinamento si mantiene sobrio con short in maglieria neri o collant neri velati e con fiori ricamati, il tutto sigillato da un raffinato tacco nero. 

Gorunway

Per modulare ogni singolo capo e inserirlo in outfit impeccabili, la regola è quella di seguire un'ispirazione rétro, affidandosi ai sapienti consigli delle donne di ieri che al pizzo univano il gioiello in oro giallo, che al bianco associavano sempre un tocco di nero per stemperarne l'eccessiva brillantezza, prediligendo su tutto un risultato al contempo poetico, artistico e funzionale. Per questo, la camicia di pizzo si sposa con la gonna nera midi in inverno tanto quanto con la sua versione mini o con gli short nei mesi caldi, optando per tessuti semplici e privi di ricami o lavorazioni eccentriche. Chi preferisce il pantalone ha la doppia alternativa del palazzo a vita alta, creando un continuum cromatico con la scarpa che si confonde all'orlo allungando la figura, oppure quella del modello skinny, da indossare con stivale al polpaccio o al ginocchio. Punti extra per chi osa sull'accessorio, scegliendo, come insegnano Dolce & Gabbana, un'ampia borsa nera con trama tricot

Dolce & Gabbana
Dolce & Gabbana
Dolce & Gabbana
Dolce & Gabbana
Le camicie floreali per il giorno e la sera

Che i motivi floreali siano indiscussi padroni del territorio primaverile è un dato di fatto, ma che rose lussureggianti fioriscano anche sui capi invernali è ben altra storia. Dolce & Gabbana non rinunciano mai all'elemento bucolico nelle loro collezioni, con foliage e petali iridescenti che sbocciano nell'Alta Moda come nel prêt-à-porter. Se da una parte il fiore nei giorni freddi è un azzardo, dall'altro è un colpo da maestro che combina il coraggio di osare con la preveggenza stilistica delle tendenze future. Per questo, una camicia a fiori è imperativo categorico di ogni guardaroba, ancor più se concepita à la Dolce & Gabbana.

Gorunway

Per la collezione invernale, i designer non si limitano al ricamo articolato, che è pur sempre presente e meravigliosamente eseguito, ma si dilettano di scultura nel creare camicie tridimensionali dal quale si dipanano cespugli rosso ciliegia. La rosa prende dunque vita, come fa sui muri grigi delle campagne o fra i mattoni di castelli per aria di fantasticherie couture, staccandosi dalla base di popeline bianco e protendendo verso l'esterno. Non da meno è lo stelo e la foglia in verde smeraldo polveroso, che segue il moto della corolla lanciandosi all'infuori. La rosa ricamata, al contrario, trova tridimensionalità nell'accostamento con una sottoveste di pizzo, che infonde movimento al cotone della camicia, e con un bustier di raso nero, che ne riporta la forma prosperosa sul corpo femminile. 

Gorunway

Di giorno, la si indossa con nonchalance sul jeans, scegliendo una calzatura stringata o un anfibio che attribuisce all'insieme un'estetica più sportiva. Per la sera si rimane sul pizzo e sulla sottoveste suggerita dalla maison, con un kitten heel nelle tonalità sanguigne del fiore. 

Dolce & Gabbana
Dolce & Gabbana
Dolce & Gabbana
Dolce & Gabbana

Lezione di vita e di stile, la camicia Dolce & Gabbana trasmette un messaggio di semplicità dissimulata e di una voglia totale di esprimere la creatività: come ogni artista, ognuna di noi non necessita che di una tela bianca per sprigionare la propria personalità e lasciarsi andare alla fantasia. 



Continua a leggere

“Chiami il mio agente” torna con la stagione finale su Netflix

Irriverente, surreale e imperdibile: la serie francese che racconta i vizi e i capricci delle celebrities, Chiami il mio agente!, si prepara al quarto e ultimo capitolo su Netflix il 21 gennaio. Il titolo originale, Dix pour cent (dieci per cento), si riferisce alla percentuale del cachet che una star devolve al proprio agente. Sulla carta questa figura professionale protegge il proprio cliente, gli procura contratti e collaborazioni, ma nella realtà diventa una sorta di baby-sitter e psicologa degli artisti che segue. Conosce, in effetti, segreti inconfessabili e verità scomode, e deve mantenere un decente equilibrio mentale per non lasciarsi sopraffare dalla follia delle star. In ventiquattro puntate, Chiami il mio agente!, diverte, commuove e stupisce con un’ironia davvero spiazzante, attraverso i retroscena di festival, premiazioni e set. E promette un gran finale davvero emozionante.

I protagonisti di Chiami il mio agente
I protagonisti di Chiami il mio agente
La trama

L’agenzia ASK (Agence Samuel Kerr) è una delle più rinomate di Parigi, perché i soci sono autentici squali capaci di ottenere l’accordo più vantaggioso senza paura di sporcarsi le mani e ricorrere ai più creativi escamotage. Il più spietato di tutti, Mathias (Thibault de Montalembert), è un agente della generazione passata, uno di quegli uomini che fa tremare i polsi a chiunque lo veda entrare in una stanza, incapace di giocare pulito. Arlette (Liliane Rovere) è più anziana di lui e decisamente più eccentrica, sempre con il cagnolino Jean Gabin al seguito. Sì, ha il nome del famoso attore e sì, è tutta la sua famiglia perché ha sempre immolato la vita privata sull’altare della carriera ed è un vero “segugio” nel mestiere. Lo stile di Andrea (Camille Cottin) è diretto, sfrontato e persuasivo: nonostante le sue nevrosi, i clienti pendono dalle sue labbra. A chiudere questo poker d’assi ci pensa Gabriel (Gregory Montel), l’unico tenerone dal cuore d’oro del gruppo, che si affeziona agli assistiti come fossero cuccioli da salvare e quindi non riesce mai a mettere dei paletti alle loro richieste. Attorno a loro ruotano “i giovani” e ambiziosi aspiranti-agenti e aspiranti-attori, tra cui, a sorpresa, la figlia segreta di Mathias, Camille (Fanny Sidney).

Il cast di Chiami il mio agenteDIX POUR CENT
Il cast di Chiami il mio agente
Christophe BrachetFollie da tappeto rosso

La forza della serie, oltre ad una scrittura brillante e ad un cast fisso di prima categoria, si fonda sull’elenco infinito di guest star, a cui di solito viene dedicato un episodio e che si prende in giro con squisita autoironia. Ogni artista di fatto gioca con la propria immagine ribaltandola e spiazzando il pubblico. La femme fatale Monica Bellucci, ad esempio, nella terza stagione decide di voler cercare un fidanzato tra gli uomini “normali”, comuni mortali lontani dal mondo del cinema. Isabelle Huppert, qualche puntata dopo, fa uscire di testa Mathias perché si comporta da teenager ribelle e accetta ruoli di set in contemporanea, sgattaiolando furtivamente da una scena all’altra per evitare multe milionarie. Juliette Binoche, invece, nella stagione due, si prende il gioco del Festival di Cannes e se ne sta beatamente in camera a mangiare la pizza da un cartone con un boy toy. E che dire di Jean Dujardin? Per due episodi della terza stagione rifiuta di uscire dal personaggio, un eremita dei boschi, e decide di non cambiarsi i vestiti, non lavarsi e non ricorrere alle comodità moderne e quindi si piazza nel giardino di casa a dormire per terra.

Gabriel (Gregory Montel) e Monica Bellucci
Gabriel (Gregory Montel) e Monica Bellucci
Serie francesi e in costume? Eccovi serviti
Serie Tv
Destini in Fiamme: le donne e l'incendio di Parigi
Su Netflix una mini serie francese dedicata alle vittime del rogo del 1897. Dietro il disastro, le storie e gli amori travagliati di domestiche e nobildonne
Nomi e cognomi

Scena dopo scena, si fanno nomi e cognomi anche degli assenti, si spettegola sui vizietti del cast e della troupe di un certo film o di una serie e si fanno battutine al vetriolo sul talento (o più spesso sulla sua assenza) di questo o quel cineasta. Si prestano tutti, da Claude Lelouch a Cecile de France, e mettono in scena siparietti di ogni genere. C’è il divo avido di gadget e quello cleptomane, c’è quello depresso e insicuro e quello fuori di testa, c’è chi mente spudoratamente e chi non riesce proprio a tenersi un segreto. Il panorama dello showbusiness non è mai apparso così rocambolesco e umano: le stelle, scese dai piedistalli, si presentano in tutta la loro confusione e, in balìa di ego ipertrofici, fanno spesso danni di proporzioni inimmaginabili a cui gli agenti, come abili giocolieri, cercano di riparare.

Jean Dujardin in Chiami il mio agente
Jean Dujardin in Chiami il mio agente
La quarta stagione (++ allerta spoiler++)

Per chiudere in bellezza le vicende dell’ASK si parte con le follie di Charlotte Gainsbourg alla vigilia della consegna dei Premi César (gli Oscar francesi). La diva, stanca di ruoli drammatici, si vuole dare alla stand up comedy. Si passa poi alla sete di vendetta di Mimie Mathy, che ad un certo punto si sente talmente trascurata dall’agenzia da portarsi a casa persino la macchina del caffè dell’agenzia. Franck Dubosc finisce su un set indie, senza camerini o assistenti, e si ritrova a girare scene insensate in mezzo alla strada, mentre la stella del basket francese Tony Parker gli scippa la copertina di un magazine da sotto il naso. La regista Valerie Donzelli si lancia in sperticate lodi del talento sbagliato e Jean Reno vuole lasciare la recitazione. Eppure la vera e propria punta di diamante, regina di comicità e maga di autoironia, si dimostra Sigourney Weaver. La diva di Alien, che svaligia la boutique di macaron dell’aeroporto e rifiuta una suite qualsiasi che non sia il top dell’Hotel de Crillon, la Marie-Antoniette, dà del filo da torcere a tutti, mentre si tiene in forma sul tapis roulant con vista sulla Torre Eiffel.

Tony Parker in Chiami il mio agenteDIX POUR CENT S04
Tony Parker in Chiami il mio agente
Chritophe BrachetAll good things must come to an end

L’addio più doloroso spetta ai protagonisti principali, che sono – ciascuno a suo modo – ad un bivio nella vita. Andrea ha una bimba neonata che finora ha affidato alla compagna perché ha ritmi lavorativi massacranti e non riesce a gestirla. Mathias rischia di rimetterci le penne, troppo stressato e sotto pressione da nuove sfide professionali. Gabriel si ritrova spalle al muro e deve scegliere tra la carriera e l’amore mentre Arlette ha sempre qualche asso nella manica. Nemici-amici, a volte rivali e altre volte alleati, si trovano tutti alle prese con un altro squalo del mestiere, Anne Marivin, che interpreta Elise, punta di diamante di un’agenzia concorrente. Nuovi trucchi, vecchie strategie e qualche colpo di coda accompagnano il pubblico verso l’addio di una delle serie più brillanti degli ultimi tempi.

Sigourney Weaver in Chiami il mio agenteDIX POUR CENT - SAISON 4
Sigourney Weaver in Chiami il mio agente
Christophe Brachet


Continua a leggere

NINA ALBAUT201126_CSE_VOGUE_ITALIA_GUCCI_001_044_R2.jpg
NINA ALBAUT
Catherine ServelKRISTINA DE CONINCK201126_CSE_VOGUE_ITALIA_GUCCI_002_015_R2.jpg
KRISTINA DE CONINCK
Catherine ServelLAMINE FATY201126_CSE_VOGUE_ITALIA_GUCCI_003_023_R2.jpg
LAMINE FATY
Catherine ServelGUSTAVE CAGANI201126_CSE_VOGUE_ITALIA_GUCCI_004_036_R2.jpg
GUSTAVE CAGANI
Catherine ServelMAEVA MARSHALL201126_CSE_VOGUE_ITALIA_GUCCI_005_072_R2.jpg
MAEVA MARSHALL
Catherine ServelJESSICA NERESTANT201126_CSE_VOGUE_ITALIA_GUCCI_07_116_R2.jpg
JESSICA NERESTANT
Catherine ServelMOLIBO201126_CSE_VOGUE_ITALIA_GUCCI_008_026_R2.jpg
MOLIBO
Catherine ServelRAYANE201126_CSE_VOGUE_ITALIA_GUCCI_009_012.jpg
RAYANE
Catherine ServelANH WISLE201126_CSE_VOGUE_ITALIA_GUCCI_011_013 ALT.jpg
ANH WISLE
Catherine ServelGAELLE PRUDENCIO201126_CSE_VOGUE_ITALIA_GUCCI_012_051_R2.jpg
GAELLE PRUDENCIO
Catherine ServelEMI201126_CSE_VOGUE_ITALIA_GUCCI_013_074_R2.jpg
EMI
Catherine ServelDAVID GE201126_CSE_VOGUE_ITALIA_GUCCI_014_047_R2.jpg
DAVID GE
Catherine ServelMARIE POULMARCH201126_CSE_VOGUE_ITALIA_GUCCI_015_033_R2.jpg
MARIE POULMARCH
Catherine Servel


Continua a leggere

Se la mascherina ha nascosto la forma delle nostre labbra, le continue video call l'hanno messa ancora più in evidenza. La casa si è trasformata nel luogo dove ritrovare il piacere di indossare il rossetto facendo molta attenzione alla tecnica per non sfigurare sotto alle luci poco clementi. Tra  i rossetti predominano i rossi, dalla texture shimmer per una dose di luminosità extra. Del resto, ci pensa già lo schermo ad appiattire i volumi, ecco perché per richiamare l'attenzione e dare tridimensionalità è importante giocare con il finish del rossetto. 

montage of faces lips eys mouths
Aesthetic Medicine
Rughe contorno labbra: tutte le ultime tecniche per contrastarle
Le rughe del contorno labbra, conosciute come “bar code” e “rughe dei fumatori”, possono essere contrastate con tecniche ad hoc di medicina estetica. Ve le sveliamo qui
La forma labbra più desiderata

Ci sono almeno nove tipologie di forma labbra: carnose, con l'arco di cupido accentuato, sottili, larghe, con il labbro superiore più voluminoso, con il labbro inferiore più voluminoso, a cuore, dalla forma rotonda molta piena e labbra all'ingiù. 

Quelle più desiderate sono le labbra a cuore, romantiche e con l'arco di cupido ben delineato da enfatizzare con un rossetto rosso o un tocco di rosa alla Taylor Swift, labbra ben proporzionate e simmetriche come quelle di Rihanna, labbra puffy voluminose sopra e sotto stile Kylie Jenner (aiutate dal filler), e carnose ma lineari come quelle di Angelina Jolie, anche dette Hollywood lips. 

Forma labbra: la tecnica over lining

È il segreto beauty più utilizzato dalle star per ampliare la forma labbra, da Jennifer Lopez, Kylie Jenner e Victoria Beckham a Chiara Ferragni. Consiste nel disegnare il profilo delle labbra andando oltre i bordi naturali con una matita color nude più scura del rossetto. Poi si applica il rossetto sempre sui toni del nude a seconda della carnagione e si dà un finish glossy con un lip gloss trasparente oppure applicandone uno in nuance per dare un effetto plump alla bocca

Cosa può fare il trucco semipermanente per la forma labbra 

Il trucco semipermanente, che per le labbra si chiama lip blushing, aggiunge colore e definizione con un effetto anti-age. Permette infatti di ricostruire il bordo e di renderlo più marcato, migliorando la forma labbra. Il colore ha anche un effetto riempitivo rendendo superflui i ritocchi di medicina estetica. Si utilizza un colore più scuro sui bordi per poi sfumare verso il centro con una resa gradient lips. Questa tecnica uniforma la tonalità naturale delle labbra e aiuta a correggere qualsiasi asimmetria. 

Correggere la forma con la medicina estetica

“Nel tempo le richieste sono cambiate, nei primi anni Duemila si puntava tutto sul volume, oggi ha più senso parlare di forma labbra”, afferma Marco Iera, chirurgo plastico e ricostruttivo. “Con i filler a base di acido ialuronico si riesce a dare idratazione e definizione alla labbra. Per evitare effetti collaterali come granulomi o fibrosi è sempre bene rivolgersi a un bravo specialista che utilizza un prodotto di qualità. La tecnologia Vycross di Allergan, che combina acido ialuronico ad alto e basso peso molecolare, consente al filler di integrarsi meglio con il tessuto sottostante per un risultato più naturale”. 

In base agli studi anatomici, si è visto che la forma labbra più naturale ha il labbro inferiore più grande di 0,2 millimetri rispetto a quello superiore. “Questo parametro fa riferimento agli studi anatomici ma non rappresenta un canone di bellezza. La forma va sempre studiata e definita in base al viso e alla situazione di partenza. Se ho labbra molto sottili difficilmente potrò arrivare ad avere una forma a cuore perfetta”, dice Iera. “Spesso le pazienti mi chiedono di corregge delle asimmetrie. Per esempio, se il labbro superiore è piccolo, il sorriso può apparire schiacciato”. Tra i ritocchi richiesti c'è anche la semplice idratazione, che dà lo stesso effetto plump di un lip gloss. 

Nella gallery qui sotto 16 star famose - anche - per la forma delle loro labbra
Labbra rifatte e naturali: le forme più famose delle star
Angelina JolieGareth CattermoleGisele BündchenSteve GranitzTaylor SwiftGeorge PimentelRihannaBryan BedderBella HadidGetty ImagesKylie JennerNeilson BarnardKendall JennerDon ArnoldIrina ShaykJacopo RauleRosie Huntington-WhiteleyGetty ImagesScarlett Johannson JEAN-BAPTISTE LACROIXGwyneth PaltrowIan GavanJennifer AnistonJon KopaloffJulia RobertsAxelle/Bauer-GriffinChiara Ferragni Rosdiana CiaravoloJennifer LawrenceDan MacMedanChrissy TeigenGetty Images


Continua a leggere

Labbra rifatte o naturali, quando si desidera migliorare la forma della bocca, le star di Hollywood sono spesso dei modelli aspirazionali. E non è bastata la mascherina per far passare la voglia del ritocco. Come afferma il dottor Marco Iera, specialista in chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica all'Istituto Clinica Brera di Milano “Dall'inizio della pandemia, i ritocchi alle labbra hanno sicuramente ceduto il posto alla zona del contorno occhi molto più visibile e alla base di una nuova percezione di sé, ma le labbra rimangono comunque un focus molto importante dell'estetica, un elemento di indiscussa sensualità per le donne”. 

E a proposito di labbra sensuali, le più desiderate sono quelle dalla forma a cuore: “Hanno l'arco di Cupido molto ben definitivo e sono mediamente carnose sia sopra che sotto. Le labbra dalla forma a cuore sono sicuramente le più viste e le più stereotipate quando si cerca la forma ideale”, spiega Iera. 

Ci sono almeno nove tipologie di forma labbra: carnose, con l'arco di cupido accentuato, sottili, larghe, con il labbro superiore più voluminoso, con il labbro inferiore più voluminoso, a cuore, dalla forma rotonda molta piena e labbra all'ingiù. 

Quelle più desiderate sono le labbra a cuore, romantiche e con l'arco di cupido ben delineato da enfatizzare con un rossetto rosso o un tocco di rosa alla Taylor Swift. Sono labbra ben proporzionate e simmetriche anche quelle di Rihanna, e poi ci sono le labbra puffy voluminose sopra e sotto stile Kylie Jenner (labbra rifatte e aiutate dal filler), e carnose ma lineari come quelle di Angelina Jolie, anche dette Hollywood lips. 

Nella gallery. 

Hollywood lips. Le sue labbra sono carnose sopra e sotto e non hanno l'arco di Cupido accentuato. Angelina Jolie
Hollywood lips. Le sue labbra sono carnose sopra e sotto e non hanno l'arco di Cupido accentuato.
Gareth CattermoleHollywood lips. Gisele Bündchen
Hollywood lips.
Steve GranitzLabbra a cuore con l'arco di Cupido ben definito. Taylor Swift
Labbra a cuore con l'arco di Cupido ben definito.
George PimentelLabbra a cuore. Rihanna
Labbra a cuore.
Bryan BedderPuffy lips. Labbra voluminose e plump con l'aiuto del filler. Bella Hadid
Puffy lips. Labbra voluminose e plump con l'aiuto del filler.
Getty ImagesPuffy lipsKylie Jenner
Puffy lips
Neilson BarnardPuffy lipsKendall Jenner
Puffy lips
Don ArnoldLa forma delle sue labbra è tondeggiante e piena.Irina Shayk
La forma delle sue labbra è tondeggiante e piena.
Jacopo RauleLabbra carnose e tondeggianti. Rosie Huntington-Whiteley
Labbra carnose e tondeggianti.
Getty ImagesLabbra carnoseScarlett Johannson 
Labbra carnose
JEAN-BAPTISTE LACROIXLabbra sottiliGwyneth Paltrow
Labbra sottili
Ian GavanLabbra sottiliJennifer Aniston
Labbra sottili
Jon KopaloffLabbra larghe e naturalmente carnoseJulia Roberts
Labbra larghe e naturalmente carnose
Axelle/Bauer-GriffinLe sue labbra sono ben proporzionate e con l'arco di Cupido leggermente definito. Chiara Ferragni 
MLe sue labbra sono ben proporzionate e con l'arco di Cupido leggermente definito.
Rosdiana CiaravoloLabbra carnoseJennifer Lawrence
Labbra carnose
Dan MacMedanLe sue labbra sono naturalmente voluminose al centro del labbro superiore e inferiore. Chrissy Teigen
Le sue labbra sono naturalmente voluminose al centro del labbro superiore e inferiore.
Getty Images


Continua a leggere

La poetessa afroamericana Amanda Gorman è salita sul palco di Capitol Hill e ha incantato gli spettatori con le sue parole di uguaglianza e il suo sguardo verso il futuro. "La vittoria non sarà nella lama che ci divide, bensì nel ponte che ci porterà oltre le sfide" ha detto la giovane, tracciando il solco che dividerà la politica di Joe Biden dall'eredità di Donald Trump.Continua a leggere

Continua a leggere

Lady Gaga ha cantato l'inno americano con un magico look di Schiaparelli Haute Couture

Lady Gaga ha indossato un look di Schiaparelli Haute Couture alla cerimonia di insediamento del presidente degli Stati Uniti Joe Biden. La star ha cantato l'inno americano con una magico outfit custom made disegnato dal direttore creativo Daniel Roseberry. Lady Gaga ha sfoggiato una giacca aderente in cashmere blu scuro e una gonna in faille di seta rossa con una spilla dorata che raffigura della colomba della pace.  

“Essendo un americano che vive a Parigi, questo ensemble è una lettera d'amore per un paese che mi manca tanto e per un artista che ho sempre ammirato", ha spiegato lo stilista. "La Maison Schiaparelli è onorata di avere avuto la possibilità di vestire Lady Gaga in questo storico giorno dell'insediamento. Dio benedica Lady Gaga e l'America".

Lady Gaga e Joe BidenJoe Biden Sworn In As 46th President Of The United States At U.S. Capitol Inauguration Ceremony
Lady Gaga e Joe Biden
Win McNamee
US Vice President-elect Kamala Harris (2nd L) and husband Douglas Emhoff and US President-elect Joe Biden (R) and wife Dr. Jill Biden attend a Covid-19 Memorial at the Lincoln Memorial in Washington, DC, on January 19, 2021 to honor the lives of those lost to Covid-19. (Photo by Jim WATSON / AFP) (Photo by JIM WATSON/AFP via Getty Images)
Kamala Harris veste Pyer Moss
La Vice Presidente eletta degli Stati Uniti ha indossato un cappotto Pyer Moss 
Lady Gaga in SchiaparelliJoe Biden Sworn In As 46th President Of The United States At U.S. Capitol Inauguration Ceremony
Lady Gaga in Schiaparelli
Rob Carr


Continua a leggere

Per la sua prima apparizione da First Lady Jill Biden ha indossato un cappotto di tweed turchese con i reverse di velluto, abbinato a un vestito e a una mascherina dello stesso colore. Una scelta che ha un duplice valore simbolico, sia nella scelta del colore che dello stilista che l'ha vestita per questa giornata storica.Continua a leggere

Continua a leggere


X

privacy